Gli Incontri

Dopo un primo colloquio psicologico individuale, il progetto si articola in una serie di tre incontri di gruppo, composti da circa 10-12 donne, a cadenza settimanale.
Il primo incontro è dedicato alla cura del volto, e prevede l’insegnamento di tecniche di trucco e di uso delle parrucche e dei foulards. Durante il secondo incontro un’estetista formata in estetica oncologica insegna alle pazienti come prendersi cura del proprio corpo e della propria pelle durante le terapie; è inoltre presente una consulente d’immagine che aiuta le donne a valorizzare il proprio aspetto, in particolare attraverso l’uso dei colori. In ognuna di queste occasioni, ognuna delle partecipanti ha la possibilità di ricevere un trattamento specifico e personalizzato. L’ultimo incontro è infine dedicato a una discussione di gruppo, condotta da psicologi, sull’esperienza di Salute allo Specchio.
La presenza costante di un’équipe di psicologi e medici alle giornate garantisce la possibilità di accogliere e gestire tempestivamente eventuali difficoltà che possono emergere nella situazione di gruppo, oltre che favorire la possibilità che il gruppo stesso agisca come fattore terapeutico per i suoi membri attraverso l’apertura, la condivisione, il confronto e il supporto reciproci.
L’incontro con altre donne che stanno vivendo un’esperienza simile alla propria e stanno affrontando le medesime difficoltà offre, infatti, un contesto dove poter condividere i propri vissuti e le proprie emozioni, dove poter meglio comprendere i propri sentimenti e pensieri legati alla malattia e dove poter ricevere sostegno, respirando un clima di solidarietà che contrasta l’isolamento e la solitudine che molto spesso queste pazienti si trovano a vivere.
Grazie al lavoro e alla comunicazione con le nostre pazienti all’interno di Salute allo Specchio, è stato possibile capire come questo “prendersi cura” abbia portato alla luce tante altre necessità, che fino ad quel momento non avevano trovato spazio per essere accolte: le difficoltà del comunicare la propria diagnosi a un figlio piccolo, i dubbi legati a una corretta alimentazione da seguire durante le terapie, le problematiche legate alla sessualità e alla fertilità, spesso compromesse dalla malattia e dai trattamenti… La risposta a queste richieste si è concretizzata nella realizzazione di diversi progetti in collaborazione con Salute allo Specchio Onlus.